Francesco Paolo Frontini (Catania, 6 agosto 1860 – Catania, 26 luglio 1939) è stato un compositore, musicologo e direttore d'orchestra italiano.

«Bisogna far conoscere interamente la vera, la grande anima della nostra terra.
La responsabilità maggiore di questa missione dobbiamo sentirla noi musicisti perchè soltanto nella musica e nel canto noi siciliani sappiamo stemperare il nostro vero sentimento. Ricordatelo». F.P. Frontini

Dedicato al mio bisnonno F. P. Frontini, Maestro di vita. Pietro Rizzo

giovedì 30 dicembre 2010

La poesia di Giovanni Meli in musica, da Eco della Sicilia - 1883

Giovanni Meli (Palermo6 marzo 1740 – Palermo20 dicembre 1815) è stato un poeta e drammaturgo.



Dimmi, dimmi, apuzza nica
Unni vai cussì matinu?
Nun c'è cima chi arrussica
Di lu munti a nui vicinu:
 
Trema ancora, ancora luci
La ruggiada 'ntra li prati,
Dun'accura nun ti arruci
L'ali d'oru dilicati!

Li ciuriddi durmigghiusi
'Ntra li virdi soi buttuni
Stannu ancora stritti e chiusi
Cu li testi a pinnuluni.
 
Ma l'aluzza s'affatica!
Ma tu voli e fai caminu!
Dimmi, dimmi, apuzza nica,
Unni vai cussì matinu?
 
Cerchi meli? E s'iddu è chissu
Chiudi l'ali e 'un ti straccari,
Ti lu 'nsignu un locu fissu
Unn'hai sempri chi sucari
 
Lu canusci lu miu amuri,
Nici mia di l'occhi beddi?
'Ntra ddi labbra c'è un sapuri,
'Na ducizza chi mai speddi
 
'Ntra lu labbru culuritu
Di lu caru amatu beni
C'è lu meli chiù squisitu...
Suca, sucalu, ca veni.
 
Ddà ci misi lu Piaciri
Lu sò nidu 'ncilippatu
Pri adiscari, pri rapiri
Ogni cori dilicatu.
 
A lu munnu 'un si pò dari
Una sorti chiù felici,
Chi vasari, chi sucari
Li labbruzzi a la mia Nici.




"Lu Labbru",da Eco della sicilia - Cinquanta Canti popolari siciliani con interpretazione italiana raccolti e trascritti, Ricordi - Milano - 1883.
parole di Giovanni Meli, musica trascritta di Frontini.
http://frontini.altervista.org/canti_...

Lettera del 1/01/1894 a F. P. Frontini
« Tra gli artisti e compositori dell'Isola voi siete,
« se non il solo, uno dei pochissimi che comprendono la
« bellezza e la grazia delle melodie del popolo. Pur com-
« ponendone di belle e di graziose, Voi sapete apprezza-
« re queste vaghe e dolci reliquie d'un passato che non
« ebbe storia, e serbate a durevole monumento, delle
« note piene di sentimento squisito e di candore vergi-
« nale. Altri non penserà neppure a ringraziarvi dell'ope-
« ra patriottica da voi compiuta; io Vi ammiro ». Parole, sentite e quasi solenni.
Giuseppe Pitrè

Voce di Rosalba Sinesio


"La vucca",da Eco della sicilia - Cinquanta Canti popolari siciliani con interpretazione italiana raccolti e trascritti, Ricordi - Milano - 1883.
parole di Giovanni Meli, musica di Frontini, voce di Cinzia Caminiti, madolini di Paolo Capodanno e Gianni Nicotra, chitarre di Michele gagliano e Massimo Genovese 


La Vucca
Ssi capiddi e biundi trizzi
sù jardini di biddizzi,
cussì vaghi, cussì rari,
chi li pari nun ci sù.

Ma la vucca cu li fini
soi dintuzzi alabastrini,
trizzi d'oru, chi abbagghiati,
perdonati, è bedda chiù.

Nun lu negu, amati gigghia,
siti beddi a meravigghia;
siti beddi a signu tali
chi l'uguali nun ci sù. 

Ma la vucca 'nzuccarata
quannu parra, quannu ciata,
gigghia beddi, gigghia amati,
perdonati, è bedda chiù.

Occhi, in vui fa pompa Amuri
di l'immensu so valuri,
vostri moti, vostri sguardi
ciammi e dardi d'iddu sù. 

Ma la vucca, quannu duci
s'apri, e modula la vuci,
occhi... Ah vui mi taliati!...
Pirdunati, 'un parru chiù.





A Nici! poesia dell'Abate G. Meli trascrizione di F. P. Frontini

O bedda  Nici, 
Scuma  di zuccaru,
E chi ti fici 
Ca'un m'ami cchiù?
Nun cc'è jurnata 
Chi'un si 'ncagna
.Chi sorti rètica 
La mia chi fu !

Chi ti nni veni, 
Bedda, ad amarimi? 
Vogghimi beni; 
Chi custa un sì !
Gnocu - gnucannu 
Vai rifriddannu; 
Santu dipantàni ! 
Dimmi pirchi?

M'ài pr'importunu; 
Pirchì lu saturu 
A lu dijunu 
Fidi 'un cci dà.
Lassati amari, 
Biddizzi rari; 
Via cumpatemuni 
Pri carità!

'Ntra ssi labruzzi 
Cc'è l'incantisimu, 
Dintra ss'ucchiuzzi 
Cc'è un non so chì,
'N 'amuri- duci 
Chi s'introduci, 
E manna'mpasimu 
L'alma a ddì-ddì.

Pri qnantu aduru 
Ss-ucchiuzzi amabili, 
Bedda, ti juru, 
Chi'un pozzu cchiù.
Si tu'un ti muti, 
Si tu'un m'ajuti, 
Io moru e causa 
Nni sarai tu.